contatore accessi web

La sculacciata

L’uomo lanciò un’occhiataccia alla donna. Fece schioccare le dita a disse sd uno dei suoi assistenti. «Falla portare fuori e sculacciata. Fai in modo che sia profondamente umiliata “.

La ragazza fissò l’uomo, senza parole. Non aveva mai sentito parlare con tanta arroganza. Chi credeva di essere, un re? Urlò mentre due grossi uomini la afferravano e la trascinavano fuori dalla porta.

Lasciatemi andare, bastardi. Vi denuncerò, vi farò causa. Lasciami andare!” Gli uomini ignorando le sue grida la portano fuori in strada. La ragazza si calmò quando vide la folla di persone che passavano e la fissavano.

L’uomo più alto sollevò rapidamente la ragazza e la capovolse, tenendola per le caviglie. Lei urlò terrorizzata, realizzando improvvisamente che cosa le stava succedendo. “Per favore lasciami andare. Per favore.”

L’uomo più basso tornò con una grande pagaia di legno. Era estremamente sottile e usurata da anni di utilizzo. Lo sollevò di fronte alla folla che si stava radunando vicino al cancello e gridò: “Venite a vedere la ragazza che riceve la sua giusta ricompensa!” La folla esultava e la gente spingeva per vedere meglio.

Era molto carina, alta con lunghi capelli scuri e incredibili occhi neri che lampeggiavano di rabbia per la situazione che stava vivendo. Le sue guance erano arrossate dalla vergogna mentre penzolava e piangeva miseramente. Il corpo della ragazza era giovane e flessuoso con un seno ampio che la gravità stava lentamente esponendo a causa della posizione capovolta.

La sua gonna era rigirata sul suo corpo e le sue gambe e glutei erano in bella mostra per la folla. Un sottile indumento intimo era tutto ciò che le proteggeva il sedere. Mentre lottava, il suo sedere si dimenava in modo seducente per la gioia della gente.

La folla si azzitì quando l’uomo più basso iniziò a sculacciarla. La pagaia sottile colpiva le natiche della povera ragazza con un forte schianto che echeggiò su e giù per la strada e un silenzio cadde di nuovo sulla gente.

Ancora la pagaia colpì, e poi di nuovo. Al quarto colpo la ragazza ritrovò il fiato e urlò terrorizzata e la folla esultò, risate ed eccitazione ovunque. “Sculacciala più forte!” qualcuno gridò. “Toglile le mutandine!” disse un altro in un coro di applausi.

La ragazza iniziò a singhiozzare e a lottare freneticamente, il suo viso diventava ancora più rosso. L’uomo con la pagaia rise e continuò ad infliggere la punizione, stuzzicando la ragazza e la folla con leggeri schiocchi delle dita che servivano solo ad eccitare gli osservatori.

I colpi non erano molto forti, ma erano secchi e precisi. La pagaia sottile graffio la carne alla ragazza che si fece prendere dal panico. Lottava non a causa del dolore ma a causa della sua paura e della sua umiliazione. Man mano che la sculacciata andava avanti, iniziò a stancarsi e, lentamente, la sua resistenza calava e alla fine smise di lottare. Penzolava e gemeva lamentandosi ad ogni colpo.

Quando fu veramente stanca, l’uomo iniziò a sculacciarla sul serio, dandole una serie di colpi davvero duri che le tolsero il fiato. Ma era troppo esausta per combattere ancora e poteva solo restare lì a piangere, tra i suoi capelli bagnati dalle lacrime.

Poi ci fu una pausa nella punizione. Trattenne il respiro per paura che la pausa fosse solo un trucco crudele ma non accadde nulla. Si rese conto che il suo sedere stava bruciando, un lieve pulsare che in realtà le faceva sentire caldo e piacere.

“Non era poi così male”, stava pensando quando sentì una mano toccarle le natiche. Ansimò e sussultò, ma la mano le stava tirando le mutande, sfilando il sottile slip dalle gambe, lasciando scoperto il sedere nudo. Lei arrossì furiosamente e disperatamente, tentando inutilmente di coprirsi mentre la folla esultava.

Ora le sculacciate cominciano di nuovo, questa volta più rumorose e devastanti. Lei piangeva miseramente ma non c’era pietà. Il canto della folla furiosa la terrorizzava. Si sentiva intorpidita e piena di disperazione. Non c’era nessuno a salvarla, nessuno che sentisse il suo dolore e la sua umiliazione?

Contro la sua carne nuda la pagaia era atroce, i colpi furiosi e veloci. L’uomo era un’esperto, adattava i tempi e la sua forza agli stati d’animo della ragazza. Quando lei lottava, le sue sculacciate la stuzzicavano, ma quando si rilassava per la stanchezza lui la colpiva con estrema forza. La frustrò e la sfinì.

Mentre la sculacciata andava avanti, la ragazza iniziò a chiedersi quanto tempo sarebbe durata la punizione. Le sue natiche erano enormi e gonfie, pesanti e segnate. Non aveva più lacrime e poteva solo gemere. L’uomo stava variando i colpi, adesso. Sculacciava solo il gluteo destro per un certo periodo, poi passava a sinistra. A volte si concentrava sulla tenera parte superiore del suo sedere, portando i suoi colpi di lato. Altre volte era sceso con forza contro la parte inferiore, lei sentiva la pagaia tremendamente pesante a ogni sculacciata.

La girava la testa e si sentiva confusa. Le sue natiche bruciavano ma il suo sesso era bagnato di desiderio. Trovava intrigante l’imbarazzo di essere esposta davanti alla gente. Il boato della folla era terrificante ma allettante. Poteva sentire gli uomini gridare quando gemeva e dimenava il culo dopo ogni sculacciata particolarmente dura e questo la riempiva di piacere e desiderio ardente. Si sentiva incredibilmente vulnerabile ed esposta.

Ma il dolore la elettrizzava e la faceva sentire viva. Non aveva mai provato così tante sensazioni in tutta la sua vita: ogni poro della sua pelle era vivo di sentimento. Le sculacciate erano dolorose ma il suo sedere si sentiva così bene e caldo dopo ogni colpo che desiderava il successivo solo per sentire il sollievo dopo.

I suoi seni erano pesanti mentre le penzolavano appena sopra il mento e i capezzoli erano duri e, improvvisamente, si rese conto con orribile vergogna che stava stringendo e palpeggiando i suoi seni. La folla esultava e rideva e lei si affrettò a togliere le mani, arrossendo vividamente. Con suo ulteriore imbarazzo, un seno usci dal vestito e rimase visibile e la ragazza era fuori di sé dalla confusione. Dovrebbe rimetterlo nel vestito o sarebbe peggio toccarsi di nuovo?

All’improvviso l’uomo alto si chinò a terra e mise la ragazza sulle sue ginocchia. Prese la pagaia all’uomo basso e iniziò a colpirla. La nuova posizione fu una sorpresa per la ragazza e una sorpresa piuttosto imbarazzante. Le sue mani cercavano disperatamente di proteggersi le natiche dai colpi, ma l’uomo con rabbia le blocco le mani dietro la schiena.

Ora la ragazza si era voltata verso la folla, che la scherniva e la provocava. “Ti piace, signorina?” disse un vecchio. “Una ragazza come quella dovrebbe imparare le buone maniere“, disse un altro. “Gliele darei in questo modo ogni mattina”, disse una donna grassa vestita di blu che stava vicino alla ragazza. “Non è quello che ti serve, tesoro?” disse direttamente alla ragazza.

La ragazza si limitò a piangere e lottare più che poteva. La sculacciata era molto più dura ora, l’uomo alto era ora più riposato e desideroso di infliggere ancora dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *